La macchina di Obama: “Stiamo già vincendo”

Ci sono i sondaggi. E poi c’è la macchina elettorale delle campagne. Negli Usa (e ormai anche altrove) il problema non è solo e non tanto fare in modo di convincere un segmento relativamente piccolo dell’elettorato, quello incerto, a votare per un candidato X, ma fare in modo che questi sia registrato al voto in tempo e vada a votare.

Non è affatto scontato. Per questo è fondamentale avere una legione di volontari che bussa alle porte, ricorda, organizza, convince a votare per posta o in anticipo – possibilità importante, perché in Usa si vota di martedì, giorno lavorativo, i lavoratori poveri non sempre possono scegliere di saltare un’ora di lavoro. Una delle grandi incognite del 2012 è relativa alla campagna Obama. Perfetta nel 2008, sarà capace di replicare la spinta a elettori che spesso non votano verso le urne? Quanti neri, latinos, giovani porteranno? La campagna Obama dice molti e cerca di dimostrarlo con un memo e una conferenza telefonica appena conclusa. Tabelle alla mano il capo della campagna Jim Messina spiega ai reporter al telefono che in Colorado, Iowa, Florida, Ohio e negli altri swing states i democratici hanno registrato più persone che nel 2008 e più persone stanno votando o hanno già votato. Ovvero che la loro campagna funziona bene e che su questo terreno il vantaggio sui repubblicani resiste. Un po’ per sviare la questione e un po’ perché ci crede Messina dice: “Ogni mattina guardo ai numeri, non ai sondaggi, ma quelli dei registrati al voto e del voto in anticipo. Sostegno dei volontari è forte come nel 2008 e lo registriamo attraverso i dati. I nostri margini sono più alti che non nel 2008. Le persone invece di guardare la Tv ascolteranno vicini e compagni di lavoro. Noi ne abbiamo ovunque”. La Bolt spiega anche che non hanno intenzione di ritirarsi e spostare risorse da nessuno Stato. Come nel 2008 provano a vincere ovunque. Per i maniaci, il memo pieno di tabelle è qui sotto.

Aumentano i giovani, le donne, i latinos, i gruppi  spina dorsale della coalizione di Obama.

Voter_Reg_and_Early_Voting_FINAL

2 thoughts on “La macchina di Obama: “Stiamo già vincendo”

  1. Pingback: Le elezioni Usa e il dibattito nostrano sulla registrazioni al voto - Antonio Nicita - Il Fatto Quotidiano

  2. Pingback: Le elezioni Usa e il dibattito nostrano sulle registrazioni al voto | Hellò Magazine

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s