Il ’68 delle merendine caloriche

I teenagers americani sono in lotta. Contro i nuovi menù in qualche modo prodotto della campagna di Michelle Obama cheincoraggia a mangiare meglio. Da quest’anno a scuola li obbligano a prendere una frutta e ad accompagnare con una verdura il piatto forte. Naturalmente nella cafeteria della scuola restano in vendita bibite, dolcetti e snacks di ogni forma e tipo e ciascuno ha la libertà di comprarseli a mangiarli. Ma la scuola non incoraggia più l’idea di mangiare solo fette  da un metro quadro di pizza coperte di formaggio fuso scadente o pollo fritto. E i teenagers americani sono scesi in guerra – un po’ ovunque, se ne parla anche sul NYT di domenica.

Il video qui sotto ha fatto 900mila click (and counting) ed è la parodia di We ar young nella quale un gruppo di ragazzi del Kansas si lamente di avere fame.

Inutile dire che in Kansas i livelli medi di obesità e diabete sono più alti della già alta media nazionale americana. Il 30% dei cittadini del Kansas è obeso (non grasso, obeso). Lo Stato con meno obesi è il Colorado, con “solo” 20% di persone troppo sovrappeso. I dati sul diabete del Center for Disease and Control Prevention fanno spavento. l’11,3% degli americani con più di 20 anni ha il diabete, la stragrande maggioranza causato dal modo in cui mangia. Un numero tre volte più alto ha il pre-diabete, ovvero è sulla strada di svilupparlo se non cambia abitudini. I costi economici sono mostruosi ed è inutile dire che meno bianco sei – e quindi tendenzialmente più povero – e più è facile tu sia obeso. Del resto basta fare la fila alla cassa di un supermercato per osservare che – anche nelle catene bio – la gente tende a comprare cibi precotti o quantità inverosimili di carne rossa, bibite, pizze, salse. O basta farmarsi davanti a una stazione della metro di sera a New York per vedere i giovani cool e in carriera che prima di tornare a casa si infilano in un takeaway e comprano la cena. Cucinare, mangiare con calma, capire cosa fare con una verdura è lontano dalle abitudini dell’americano medio. Anche di quelli ossessionati dalla moda del cibo sano. Per convincere e abituare i giovani del Kansas ci vorranno anni. Sempre che le scuole tengano ferma la loro scelta.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s